Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Passaporti

 

Passaporti

Passaporti

Chi può richiedere il rilascio del passaporto al Consolato Generale d’Italia a Fiume?

Tutti i cittadini italiani residenti nella circoscrizione consolare di competenza di questo Consolato Generale.

Coloro che NON risiedono in questa circoscrizione consolare possono richiedere il rilascio del passaporto?

Il passaporto è rilasciato dall’Ufficio consolare o dalla Questura del luogo di residenza. In casi eccezionali il Consolato Generale d’Italia a Fiume può rilasciare passaporti anche a cittadini residenti al di fuori di questa circoscrizione, dopo avere proceduto con le necessarie verifiche e nulla osta.

Qual è la validità del passaporto?

Per i maggiorenni la validità è di dieci anni

Per i minori  da 3 a 18 anni la validità è di cinque anni

Per i minori fino a 3 anni la validità è di tre anni.

E’ possibile prorogare la validità di un passaporto?

No, una volta scaduto si deve presentare la richiesta per l’emissione di un nuovo passaporto.

E’ possibile iscrivere i figli minori di 14 anni sul passaporto dei genitori?

No, per i minori fino a 18 anni viene rilasciato un passaporto individuale.

Una donna sposata può avere il cognome del marito nel passaporto?

Sì, su espressa richiesta dell’interessata è possibile riportare sul passaporto il cognome del marito.

Che cosa si deve fare per ottenere il rilascio di un nuovo passaporto?

Compilare il modulo di richiesta, disponibile agli sportelli di questo Consolato Generale o sulla pagina web del Consolato Generale nella sezione Modulistica-informazioni utili

Presentare:

  • un documento di identità e/o passaporto straniero valido con fotografia e firma
  • due fotografie formato tessera, posizione frontale, fondo bianco (3,5 x 4,5 cm.)
  • eventuale passaporto italiano scaduto.

In quanto tempo viene rilasciato il passaporto?

Una volta presentata la richiesta, questo Consolato Generale, effettuate le dovute verifiche, darà un appuntamento (intorno alle due settimane) per la rilevazione delle impronte digitali, la stampa e la consegna del passaporto. Tuttavia, qualora si rendessero necessarie ulteriori verifiche o nulla-osta, l’appuntamento per il rilascio potrebbe avvenire in tempi più lunghi e comunque non oltre i 30 giorni.

Qual è il costo per il rilascio di un passaporto?

Il costo è di euro 116,00, da pagare in Consolato in contanti e per l'equivalente valore in Kune. 

Si può pagare con carta di credito, bancomat o euro?

No, il passaporto può essere pagato solamente in contanti ed in valuta locale.

Si può presentare la domanda di rilascio di passaporto per posta?

No, la domanda di rilascio deve essere presentata personalmente a questo Consolato, al Consolato onorario di Pola o ai Vice Consolati onorari di Buie e Spalato.

Si deve apporre la tassa annuale sul passaporto?

No, con la legge 23 giugno 2014 è stata abrogata la tassa annuale per l'uso del passaporto ordinario fuori UE, introducendo al loro posto un contributo amministrativo dovuto per il rilascio.

Cosa si deve fare per richiedere il rilascio di un passaporto per un figlio minore.

Per il rilascio di un passaporto per un figlio minore, è necessario l’assenso scritto di entrambi i genitori, indipendente dalla cittadinanza degli stessi ed anche se separati o divorziati.

L’assenso può essere espresso attraverso una dichiarazione sottoscritta in presenza di un funzionario di questo Consolato Generale. L’assenso può essere altresì espresso tramite una dichiarazione notarile, tradotta e apostillata (si veda sezione Modulistica - Informazioni utili per un modello di dichiarazione)

L’assenso è necessario anche nel caso in cui il cittadino italiano che richiede il rilascio di un passaporto abbia figli minori. In questo caso l’altro coniuge dovrà esprimere il proprio assenso scritto, secondo le suddette modalità (si veda sezione Modulistica - Informazioni utili per un modello di dichiarazione)

 

Cosa si deve fare nel caso in cui uno dei genitori rifiuti di firmare l’atto di assenso per il rilascio del passaporto per i figli minori o per l’altro coniuge?

Occorre che il genitore consenziente si presenti all’Ufficio Passaporti munito di una lettera sottoscritta nella quale spieghi i motivi per i quali l'altro genitore rifiuta di presentarsi congiuntamente a firmare l'atto di assenso. In tale lettera devono essere indicati l'indirizzo completo ed eventuali numeri di telefono del genitore non consenziente. Nel caso si riscontrassero ingiustificate le motivazioni del dissenso, il Console Generale, con apposito Decreto, può autorizzare d'ufficio il rilascio del passaporto al minorenne o al coniuge richiedente.

Cosa fare in caso di smarrimento e/o furto di passaporto.

Occorre presentare al Consolato Generale la denuncia effettuata presso la locale Autorità di Polizia e richiedere il rilascio di un nuovo passaporto. 

In quali casi si può richiedere il rilascio di un nuovo passaporto

Furto/smarrimento

Deterioramento

Scadenza della validità

Esaurimento delle pagine disponibili.

 

Ulteriori informazioni potranno essere richieste all’ufficio passaporti del Consolato Generale al seguente indirizzo passaporti.fiume@esteri.it.

 

AVVISO ALL’UTENZA

RESTITUZIONE PASSAPORTI RINVENUTI ALL’ESTERO E RESTITUITI AGLI UFFICI CONSOLARI ITALIANI.

 

Si rende noto all’utenza che i passaporti oggetto di furto o smarrimento e successivamente rinvenuti da parte delle locali Autorità, vengono restituiti a questo Ufficio consolare.

Si invitano pertanto coloro che abbiano recentemente subito un furto/smarrimento nell’ambito di questa circoscrizione consolare e vogliano verificare se i propri passaporti siano stati rinvenuti, a contattare questo Ufficio consolare (eventualmente al seguente recapito telefonico 051355200 o al seguente indirizzo mail passaporti.fiume@esteri.it, o a consultare l’indicazione di eventuali giorni o orari di ricevimento per ulteriori informazioni in merito.

Si segnala che l’eventuale ritiro del passaporto potrà avvenire secondo le seguenti modalità:

Ø       ritiro diretto presso l’Ufficio consolare;

Ø       invio per posta, con spese di spedizione a carico del richiedente.

Si ricorda che trascorso il periodo massimo di un anno di giacenza presso l’Ufficio consolare, a decorrere dalla data in cui le Autorità locali restituiscono i passaporti rubati o smarriti, senza che i documenti siano stati reclamati dai legittimi proprietari, si procederà alla loro distruzione senza ulteriori comunicazioni.


34