Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

CORONAVIRUS - AGGIORNAMENTO 27 SETTEMBRE 2021. MISURE PER INGRESSO IN ITALIA E CROAZIA - CERTIFICATI VERDI

Data:

02/08/2021


 CORONAVIRUS - AGGIORNAMENTO 27 SETTEMBRE 2021. MISURE PER INGRESSO IN ITALIA E CROAZIA - CERTIFICATI VERDI

Emergenza Covid - 19 - Entrata sul territorio nazionale italiano - aggiornamento 27 SETTEMBRE 2021.

Circolare del Ministero della Salute relativa all'equivalenza di vaccini anti SARS-CoV-2/COVID somministrati all'estero.

Con la suddetta Circolare, e' stata riconosciuta l'equivalenza di alcuni vaccini, somministrati dalle autorita' sanitarie nazionali estere, a quelli effettuati nell'ambito del Piano strategico nazionale dei vaccini per la prevenzione delle infezioni da SARS-CoV-2.

Si tratta, in particolare, di:
- vaccini per i quali il titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio e' lo stesso dell'Unione Europea (v. Allegato 1);
- Covishield (Serum Institute of India), prodotto su licenza di AstraZeneca;
- R-CoVI (R-Pharm), prodotto su licenza di AstraZeneca;
- Covid-19 vaccine-recombinant (Fiocruz), prodotto su licenza di AstraZeneca.

A seguito di tale riconoscimento:
- i vaccini summenzionati sono considerati validi ai fini dell'emissione della Certificazione verde COVID-19 a favore dei cittadini italiani (anche residenti all'estero) e ai loro familiari conviventi, nonche' ai cittadini stranieri che dimorano in Italia per motivi di lavoro o studio e a tutti i soggetti iscritti a qualunque titolo al Servizio Sanitario Nazionale che sono stati vaccinati all'estero;
- le certificazioni verdi COVID-19 rilasciate dalle autorita' sanitarie straniere a seguito di vaccinazione con i vaccini summenzionati (oltre ai vaccini autorizzati da EMA), sono considerate come equipollenti per le finalita' previste dalla legge, purche' riportino le informazioni di cui alla circolare in oggetto (dati identificativi del titolare, dati relativi al vaccino, data/e di somministrazione del vaccino, dati identificativi di chi ha rilasciato il certificato) e siano redatte in italiano, inglese, francese, spagnolo o tedesco (ove fossero rilasciate in un'altra lingua, dovranno essere accompagnate da una traduzione giurata).

Si prega di consultare le F.A.Q. sul sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

 

Ordinanza del Ministro della Salute del 28 agosto 2021 :

- gli elenchi C (nel quale è compreso la Croazia), D ed E restano per il momento immodificati;

- si estende a tutti i Paesi dell'elenco D la possibilita' di esenzione da quarantena per i vaccinati;

La disciplina generale italiana per gli spostamenti da/per l’estero è contenuta nel DPCM 2 marzo 2021 e nell’Ordinanza 29 luglio 2021 (se ne raccomanda un'attenta lettura).
Per una dettagliata informazione sulle misure attualmente in vigore si consiglia la consultazione del sito viaggiaresicuri.it

L’Ordinanza dispone fra l’altro che tutti coloro che abbiano soggiornato o siano transitati negli ultimi 14 giorni in uno dei nei Paesi inclusi nell'elenco C dell'allegato 20 al DPCM del 2 marzo 2021 (fra i quali la Croazia) qualora vogliano far ingresso sul territorio nazionale saranno obbligati a :

  • Compilare e presentare al vettore, al momento dell’imbarco, e a chiunque sia preposto a effettuare i controlli, un formulario on-line di localizzazione (denominato anche digital Passenger Locator Form - dPLF), che potrà essere visualizzato sul proprio dispositivo mobile o stampato, in versione cartacea.

  • Presentare al vettore, al momento dell’imbarco, e a chiunque sia preposto a effettuare i controlli, una Certificazione Verde Covid-19 rilasciata o riconosciuta ai sensi dell’articolo 9, comma 2, lett. c), del decreto legge 22 aprile 2021, n. 52, o altra certificazione equipollente, da cui risulti, alternativamente:

    • avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, con attestazione del completamento del prescritto ciclo vaccinale da almeno quattordici giorni;
    • avvenuta guarigione da COVID-19, con contestuale cessazione dell'isolamento prescritto in seguito ad infezione da SARS-CoV-2;
    • effettuazione, nelle quarantotto (48) ore antecedenti all'ingresso nel territorio nazionale, di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo al virus SARS-CoV-2.

I bambini al di sotto dei sei (6) anni di età sono esenti dall'obbligo di effettuare il test molecolare o antigenico.

Nel caso in cui l’ingresso in Italia avvenga senza la presentazione del dPLF e di una delle certificazioni precedentemente indicate, è fatto obbligo di:

  • Sottoporsi a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per un periodo di cinque (5) giorni, presso l’abitazione o la dimora, informando il Dipartimento di prevenzione dell’Azienda Sanitaria competente per territorio;Effettuare un test molecolare o antigenico al termine dell’isolamento fiduciario.

Sono previste deroghe a tali obblighi. Le deroghe sono riportate nella sezione dedicata della pagina web.

 

Ordinanza del Ministro della Salute 18 giugno 2021 (link)

SPOSTAMENTI IN ZONE TRANSFRONTALIERE

L’ Ordinanza del Ministro della salute del 2 giugno 2021 (TESTO)

L’Ordinanza firmata del Ministro della Salute 14 maggio 2021 ha disposto che coloro che fanno ingresso, con qualsiasi mezzo di trasporto e per una qualsiasi durata, nel territorio nazionale provenienti da Stati o territori di cui agli elenchi B, C (fra i quali la Croazia), D ed E dell'allegato 20 al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 2 marzo 2021, sono tenuti a compilare uno specifico modulo di localizzazione in formato digitale (link).

1. Collegarsi al sito https://app.euplf.eu/#/, selezionare in alto la lingua
2. Seguire la procedura guidata per accedere al dPLF
3. Scegliere “Italia" come Paese di destinazione
4. Registrarsi al sito creando un account personale con user e password (è necessario farlo solo la prima volta)
5. Compilare ed inviare il dPLF seguendo la procedura guidata.

Il PASSENGER LOCATOR FORM DIGITALE EUROPEO (dPLF) sostituisce la dichiarazione di cui all'art. 50, comma 1, del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 2 marzo 2021.

In alternativa al modulo di localizzazione in formato digitale, esclusivamente in caso di impedimenti tecnologici,  si potrà utilizzare il formulario cartaceo dell'auto dichiarazione (Modello per autodichiarazione).

Per maggiori informazioni si consiglia di consultare il sito "Viaggiare sicuri" e al sito del Ministero della Salute alla Pagina Covid-19 Viaggiatori

Per informazioni si può contattare il Ministero della Salute. Per coloro che chiamano dall'estero i numeri sono:
+39 0232008345 - +39 0283905385.

Sul sito del Ministero degli Affari Esteri, si puo’ compilare un questionario (link) destinato a coloro che sono in partenza o devono rientrare in Italia, basato sulla normativa italiana attualmente in vigore. Il questionario ha carattere meramente informativo, non ha valore legale e il risultato ottenuto non garantisce l’ingresso in Italia né nel Paese di destinazione.

 

PRECEDENTE NORMATIVA DEL GOVERNO ITALIANO:

Ordinanza 29 Aprile 2021 il Ministro della Salute

Ordinanza del Ministero della Salute del 16 Aprile 2021

Ordinanza 2 aprile 2021 del Ministro della Salute

Ordinanza 30 marzo 2021

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 2 Marzo 2021: Testo, Allegati, Avviso rettifica

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 16 gennaio 2021. Le disposizioni in esso contenute saranno efficaci fino al 5 marzo 2021 e sostituiranno quelle inserite nel DPCM del 3 dicembre 2020.

Il testo del decreto, del quale si raccomanda una attenta lettura (comprensiva degli allegati) è disponibile sul sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Si prega di consultare regolarmente i seguenti link istituzionali dedicati alle misure in materia di contenimento dell'epidemia e gestione della situazione emergenziale, che sono oggetto di frequente aggiornamento da parte delle Autorita' competenti:

a) https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html
(ove è reperibile il modello di autocertificazione).

b) Presidenza del Consiglio dei Ministri, rubrica "Coronavirus, le misure adottate dal Governo", al link http://www.governo.it/it/approfondimento/coronavirus/13968

c) Ministero dell'Interno, sezione "Speciale Coronavirus" (ove e' reperibile il modello di autodichiarazione), al link https://www.interno.gov.it/it/speciali/coronavirus

d) Ministero della Salute, sezione "Nuovo coronavirus", al link http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus
e) Dipartimento della Protezione Civile, sezione "Emergenza coronavirus", al link http://www.protezionecivile.gov.it/attivita-rischi/rischio-sanitario/emergenze/coronavirus http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus

 

INGRESSO IN CROAZIA - aggiornato al 40  ottobre 2021

Si invitano tutti i viaggiatori a prendere nota di quanto riportato dal sito viaggiaresicuri.it.

Si raccomanda poi a tutte le persone che possono entrare in Croazia di registrarsi sul sito Enter Croatia, tramite il sito web https://mup.gov.hr/uzg-covid/286210.


Misure in vigore per l'ingresso sul territorio croato  valive fino al 15 ottobre 2021 testo in inglese (link)
.

Le persone provenienti direttamente dai Paesi e/o Regioni dell'Unione Europea, Paesi e/o Regioni dell'area Schengen e Paesi associati all'area Schengen, possono entrare in Croazia se sono in possesso di un valido certificato digitale UE COVID. Al valico di frontiera queste persone devono dimostrare di non aver soggiornato nelle aree di transito.

Eccezionalmente, le persone provenienti direttamente dai Paesi e/o Regioni dell'Unione Europea, Paesi e/o Regioni dell'area Schengen e Paesi associati all'area Schengen non ancora in possesso di un valido certificato digitale UE COVID possono entrare in Croazia ad una delle seguenti condizioni:

  • presentando l’esito negativo al tampone per SARS CoV-2 effettuato nelle ultime 72 ore tramite il metodo PCR oppure nelle ultime 48 ore tramite il metodo antigenico rapido (con un test indicato nell’Elenco comune dei test antigenici rapidi, pubblicato sul sito della Commissione Europea https://ec.europa.eu/health/sites/health/files/preparedness_response/docs/covid-19_rat_common-list_en.pdf). Il certificato relativo al tampone antigenico deve contenere il nominativo del produttore del test e / o il nome commerciale del test. In caso contrario, il certificato non verrà accettato come valido;
  • presentando il certificato di vaccinazione, rilasciato negli ultimi 365 giorni, che dimostra di aver ricevuto due dosi del vaccino (vaccini utilizzati nell’UE: Pfizer, Moderna, AstraZeneca, Gamaleya o Synopharm), oppure presentando il certificato di vaccinazione che dimostra di aver ricevuto il vaccino Janssen/Johnson&Johnson se sono trascorsi 14 giorni dalla somministrazione dell’unica dose.Le persone che hanno superato la malattia da Covid-19 e sono in possesso del relativo certificato medico sono esentate dall’obbligo di presentare l’esito negativo al tampone molecolare o antigenico se sono state vaccinate con almeno una dose del vaccino. Questa esenzione si estende fino a 365 giorni dalla data della somministrazione del vaccino;
  • presentando il certificato di vaccinazione che dimostra di aver ricevuto la prima dose del vaccino Pfizer, Moderna o Gamaleya, iniziando dal 22° fino al 42° giorno dalla somministrazione, oppure dal 22° all'84° giorno dalla somministrazione della prima dose del vaccino AstraZeneca;
  • presentando l’esito positivo al tampone per SARS CoV-2 effettuato tramite il metodo PCR oppure tramite il metodo antigenico rapido, nel periodo che va da 365 a 11 giorni prima dell’arrivo al valico di frontiera, come conferma di aver guarito dall’infezione da COVID-19, oppure presentando un certificato sulla malattia superata, rilasciato da un medico;
  • effettuando il tampone all'arrivo in Croazia e sottoponendosi all’autoisolamento prima di ricevere l’esito negativo. Nel caso in cui non sia possibile effettuare il tampone, è prevista la misura di autoisolamento di 10 giorni.

Le eccezioni alle sopraindicate restrizioni sono previste per le seguenti categorie:

  1. Operatori sanitari,
  2. lavoratori transfrontalieri,distaccati e stagionali, come specificato negli Orientamenti relativi all’esercizio della libera circolazione dei lavoratori durante la pandemia di COVID-19, a condizione che non rimangano nel territorio nazionale o fuori dal territorio nazionale per più di 12 ore;Persone che viaggiano per motivi di studio;
  3. Marittimi e lavoratori nel settore dei trasporti, compresi i conducenti di veicoli merci anche in transito;Personale diplomatico, personale di organizzazioni internazionali, nonché persone chiamate da organizzazioni internazionali la cui presenza fisica è necessaria per il funzionamento di tali organizzazioni,
  4. personale militare, agenti di polizia, personale di protezione civile e personale umanitario, nell'esercizio delle loro funzioni;
  5. Persone che viaggiano per urgenti motivi familiari o di lavoro, compresi i giornalisti nell'esercizio delle loro funzioni;
  6. Passeggeri in transito, con obbligo di lasciare il territorio nazionale entro 12 ore dall'ingresso;
  7. Persone che viaggiano per urgenti motivi di salute.

Le persone che appartengono ad una delle sopraelencate categorie, al momento dell’ingresso in Croazia, hanno l’obbligo di presentare una documentazione adeguata al fine di dimostrare i motivi dell’esenzione

 

INFORMAZIONI SU DOVE POTER EFFETTUARE I TAMPONI COVID in Croazia sono disponibili ai segurenti link
https://www.bale-valle.com/it/turismo-medico/dove-in-istria-e-croazia-fare-il-test-pcr-su-covid-19;
https://www.koronavirus.hr/testing-centers-in-croatia/764

Per FIUME e REGIONE  una lista di strutture private (link) e pubbliche con testo anche in lingua italiana (link)

Per l'ISTRIA (link)

Per ZARA e REGIONE (link)

Le persone possono verificare se soddisfano le condizioni per l'esenzione dall'applicazione della presente decisione tramite il sito web https://mup.gov.hr/uzg-covid/286210 o al valico di frontiera stesso.

Per eventuali dubbi si può scrivere alle Autorità croate all’indirizzo di posta elettronica uzg.covid@mup.hr uzg.covid@mup.hr o consultare il sito (https://www.koronavirus.hr/recommendations-and-instructions-for-crossing-the-state-border/736)

Si consiglia di consultare anche il sito Viaggiare Sicuri alla pagina web: http://www.viaggiaresicuri.it/country/HRV

 

Consolato Generale d'Italia a Fiume

Il Consolato Generale limita l’accesso al pubblico con appuntamenti ad hoc, al fine di assicurare la salute degli utenti e del personale.

Si prega di scrivere a cons.fiume@esteri.it per prendere un appuntamento, al quale occorre presentarsi muniti di mascherina e guanti.

Si fa presente che sino al termine dell’emergenza Covid-19, al pubblico che dovrà accedere ai locali del Consolato Generale sarà rilevata la temperatura corporea. A coloro che presenteranno una temperatura uguale o superiore a 37,5 gradi centigradi non sarà consentito l'accesso.

In caso di emergenza, sono attivi tutto il giorno i numeri di telefono di emergenza del Consolato Generale:

TEL.: 00385 98 414 048 - 00385 98 414 602

Le presenti disposizioni saranno soggette alle eventuali modifiche richieste dall'evolversi della situazione epidemiologica. Si confida nella comprensione dell'utenza.

 

 

 
 

449